DA ATTORE AD ATTORE

IL NOSTRO CORSO

 

Il corso professionale di recitazione Da Attore Ad Attore è rivolto a ragazzi e ragazze di età compresa fra i 18 e i 28  anni che vogliano intraprendere un percorso di formazione finalizzato alla professione di attore.

 

DA ATTORE AD ATTORE

 

Il nome di questo corso nasce dal fatto che gli insegnanti sono essi stessi attori in piena attività teatrale, televisiva e cinematografica.

Riteniamo infatti che il mestiere dell’attore, nel solco della tradizione italiana,  si sviluppi nello scambio di quel bagaglio di conoscenza pratica e tecnica come avveniva un tempo “a bottega” ossia sulle assi del palcoscenico tra attori più maturi e giovani alle prime armi.

 

METODO E CONTENUTI

 

Il corso è diretto da Francesca Rizzi e Riccardo Bocci, che unendo le loro esperienze di attori, registi, pedagoghi e actor coach, hanno creato un luogo dove condividere le proprie tecniche, conoscenze e scoperte con giovani allievi. Nostro obiettivo e nostro fondamento sono la costruzione di un vero e proprio artigianato teatrale attraverso l’acquisizione di strumenti tecnici assolutamente necessari a distinguere un vero attore. Allo stesso tempo verrà dato altrettanto spazio  alla valorizzazione e allo sviluppo della creatività di ciascuno in un contesto in cui la collaborazione è più desiderabile della competitività e la capacità di immaginare viene incoraggiata.Accompagnamo  i nostri allievi attraverso una riscoperta di loro stessi, degli altri, della propria fantasia e della propria specialità, aiutandoli attraverso il gioco, esercizi e tecniche pratiche a superare quelle resistenze e quei blocchi che impediscono una piena e soddisfacente espressione.

La forza del nostro lavoro sta nell’organicità e nell’interazione in cui viene proposto l’insegnamento delle tradizionali “materie” di studio della recitazione attraverso un costante confronto con i grandi testi teatrali, la poesia e la letteratura.

 

  • La voce: esercizi per (ri)scoprire l’unicità della propria voce, favorirne la naturale espressione e potenziarne le possibilità comunicative.

  • Il corpo: il corpo parla ed è la nostra carta di identità. È fondamentale prendere coscienza di chi siamo, come ci muoviamo, quali sono le nostre “ricorrenze”, dove sono le nostre resistenze per accettarle e superarle costruendo un corpo disponibile a vestire l’abito di qualunque personaggio.

  • Lo spazio: esercizi di percezione dello spazio e studio del racconto che l’uso dello spazio può narrare.

  • La dizione: non è una semplice questione di accenti e pronunce, la dizione è ciò che rende possibile comunicare agli altri quello che vogliamo esprimere a parole. La dizione è collegata indissolubilmente all’articolazione che a sua volta dipende da una giusta fonazione quindi da una corretta respirazione e impostazione diaframmatica.

  • La relazione: esercizi per allenare lʼascolto dell’altro e di se stessi sviluppando la sensibilità a lasciarsi attraversare da ciò che avviene in scena e dalle azioni dei nostri compagni per rispondere e reagire in modo spontaneo e sincero.

  • Il testo: analisi, studio e interpretazione di un testo teatrale, poetico e letterario, i testi saranno il fine ma anche i mezzi e gli strumenti per esercitarsi vocalmente e fisicamente. Importanza specifica verrà data allo studio del verso poetico.

 

 

 

GLI INSEGNANTI

 

Riccardo Bocci e Francesca Rizzi saranno i docenti fissi del corso di recitazione, poiché riteniamo che un numero eccessivo di insegnanti con conseguente frammentazione del lavoro rischi di non rispettare quella che è la sostanziale unicità della recitazione e dei suoi processi creativi. Crediamo inoltre che avere dei riferimenti chiari e costanti consenta la crescita di quel rapporto di fiducia che è alla base di qualsiasi insegnamento specialmente della recitazione.

È tuttavia è prevista la collaborazione di altre importanti figure professionali di comprovata esperienza didattica e altissimo profilo artistico come Federica Bern (recitazione), Valerio Vittorio Garaffa e Chiara Cimmino (lavoro sul corpo attraverso la maschera neutra e la maschera espressiva), Giangiacomo Colli (metodo mimico).

 

DURATA E FREQUENZA DEL CORSO

 

Il corso si sviluppa in un biennio che non è obbligatorio frequentare per intero.

Le lezioni si terranno da metà ottobre a metà giugno, con una frequenza di 4 volte a settimana di 4 ore ciascuna.

Non è previsto un saggio alla fine del primo anno poiché si ritiene che la preparazione di uno spettacolo toglierebbe tempo utile alle lezioni, tuttavia qualora gli insegnanti lo ritenessero utile e formativo ai fini didattici, potrà essere organizzata una sorta di “prova aperta”.

Il secondo anno invece si concluderà con la necessaria esperienza di uno spettacolo di diploma.

Si accede al corso attraverso un colloquio conoscitivo e motivazionale durante il quale sarà richiesta una prova di recitazione a cura dell’aspirante allievo.

 

PERCHÈ SCEGLIERE NOI ?

 

I nostri punti di forza e le differenze con le altre offerte formative private:

 

  • COSTI: il rapporto fra prezzo e numero di ore settimanali è altamente competitivo e il pagamento è mensile, non chiediamo dunque ingenti esborsi all’inizio dell’anno.

 

  • DOCENTI: insegnanti di comprovata esperienza didattica e di elevato profilo artistico in piena attività professionale.

 

 

  • FREQUENZA: 16 ore a settimana divise in 4 giorni garantiscono un’ottima continuità di lavoro essendo poi concentrate sulle materie strettamente indispensabili alla formazione attoriale e non essendoci discipline accessorie utili ma non fondamentali.

 

  • PARTECIPANTI: massimo 12, la partecipazione al corso è garantita a un massimo di 12 allievi questo consente di poter lavorare molto approfonditamente su ciascun allievo.